Ortopedia del piede - Centro Ippocrate

L’Unità Operativa di Ortopedia del piede a Caltanissetta è specializzata in visite condotte da medici specialisti in Ortopedia. I nostri medici diagnosticano problematiche come il piede piatto, la spina calcaneare, l'alluce valgo e l'alluce rigido, la distorsione dell'articolazione dell'alluce, il neuroma di Morton e deformità delle dita.

Ortopedia dell'anca

Referente Chirurgico per l’Artroscopica dell’Anca presso “Villa Stuart Sport Clinic” a Roma.

Esegue interventi di chirurgia mini-invasiva robotica, tecnica rivoluzionaria che permette livelli di precisione mai raggiunti e che sta trasformando l’Ortopedia con risultati eccezionali.

Svolge l’incarico di specialista in Ortopedia e Traumatologia presso l’Ospedale San Carlo di Nancy a Roma, presso il Maria Cecilia Hospital a Ravenna e la Clinica Villa Torri di Bologna.

Ricopre la carica di Vice-presidente della Commissione Anca della Società Italiana di Artroscopia SIAGASCOT, docente del Master di II° livello in “Chirurgia Artroscopia dell’Anca” presso l’Università Campus Bio-Medico di Roma.

Sta portando avanti, insieme ad un’equipe di professionisti, un ambizioso progetto per la cura della pubalgia attraverso un approccio multidisciplinare: Groin Pain Multidisciplinary Study Group.

équipe
Dott. Manlio Panascì

L’artroscopia d’anca è un intervento chirurgico ad invasività minima. Si svolge praticando solo 2 o 3 piccole incisioni cutanee attraverso le quali si inserisce l’artroscopio e gli altri strumenti chirurgici che permettono di eseguire le manovre e le procedure necessarie per trattare le patologie di questa articolazione.

In tal modo, i rischi operatori sono notevolmente ridotti e il recupero dall’intervento è decisamente più rapido.Il medico può raccomandare l’artroscopia dell’anca se si ha una condizione dolorosa che non risponde al trattamento non chirurgico, che include il riposo, la terapia fisica e farmaci o iniezioni che possono ridurre l’infiammazione.

Quali problemi può diagnosticare e trattare l’artroscopia dell’anca?

Oggi questo tipo di intervento è usato per la diagnosi e la cura di una vasta gamma di problemi all’anca, tra i quali:

Il conflitto femoro-acetabolare.
L’impingement o conflitto femoro-acetabolare è una malattia che deriva da una non perfetta conformazione dei capi articolari, che finiscono per urtarsi a vicenda. Esistono due tipologie di conflitto, quello di tipo CAM che presenta un’alterata morfologia della testa femorale, e il tipo PINCER, con un’alterazione a carico dell’acetabolo.

Le lesioni del labbro acetabolare.
Il labbro è una struttura fibrocartilaginea ad anello, fissata al bordo del cotile ed è rivestito in superficie dalla capsula articolare. L’artroscopia dell’anca permette di trattare efficacemente la gran parte delle lesioni del labbro, che possono essere suturate al bordo osseo, regolarizzate o resecate.

Le lesioni cartilaginee.
L’artroscopia consente una completa valutazione della superficie cartilaginea dell’acetabolo e della testa del femore. Le metodiche riparative mirano alla formazione di un tessuto fibrocartilagineo che svolga le funzioni della cartilagine sana. Tra queste vi sono le condroabrasioni e le microfratture.

La displasia.
È una patologia in cui la presa dell’anca è inusualmente debole e porta gradualmente la testa del femore a dislocarsi dalla cavità acetabolare.

Anca a scatto.
È una condizione in cui si avverte una sensazione di scatto quando si cammina, ci si alza da una sedia, o si ruota l’anca. L’anca a scatto generalmente è indolore e innocua, ma talvolta la sensazione può essere fastidiosa. In alcuni casi, l’anca a scatto porta ad una infiammazione delle strutture esterne.

L’artroscopia d’anca è un intervento chirurgico ad invasività minima. Si svolge praticando solo 2 o 3 piccole incisioni cutanee attraverso le quali si inserisce l’artroscopio e gli altri strumenti chirurgici che permettono di eseguire le manovre e le procedure necessarie per trattare le patologie di questa articolazione. In tal modo, i rischi operatori sono notevolmente ridotti e il recupero dall’intervento è decisamente più rapido.

Il medico può raccomandare l’artroscopia dell’anca se si ha una condizione dolorosa che non risponde al trattamento non chirurgico, che include il riposo, la terapia fisica e farmaci o iniezioni che possono ridurre l’infiammazione.

Quali problemi può diagnosticare e trattare l’artroscopia dell’anca?Oggi questo tipo di intervento è usato per la diagnosi e la cura di una vasta gamma di problemi all’anca, tra i quali:

Il conflitto femoro-acetabolare.
L’impingement o conflitto femoro-acetabolare è una malattia che deriva da una non perfetta conformazione dei capi articolari, che finiscono per urtarsi a vicenda. Esistono due tipologie di conflitto, quello di tipo CAM che presenta un’alterata morfologia della testa femorale, e il tipo PINCER, con un’alterazione a carico dell’acetabolo.

Le lesioni del labbro acetabolare.
Il labbro è una struttura fibrocartilaginea ad anello, fissata al bordo del cotile ed è rivestito in superficie dalla capsula articolare. L’artroscopia dell’anca permette di trattare efficacemente la gran parte delle lesioni del labbro, che possono essere suturate al bordo osseo, regolarizzate o resecate.

Le lesioni cartilaginee.
L’artroscopia consente una completa valutazione della superficie cartilaginea dell’acetabolo e della testa del femore. Le metodiche riparative mirano alla formazione di un tessuto fibrocartilagineo che svolga le funzioni della cartilagine sana. Tra queste vi sono le condroabrasioni e le microfratture.

La displasia.
È una patologia in cui la presa dell’anca è inusualmente debole e porta gradualmente la testa del femore a dislocarsi dalla cavità acetabolare.

Anca a scatto.
È una condizione in cui si avverte una sensazione di scatto quando si cammina, ci si alza da una sedia, o si ruota l’anca. L’anca a scatto generalmente è indolore e innocua, ma talvolta la sensazione può essere fastidiosa. In alcuni casi, l’anca a scatto porta ad una infiammazione delle strutture esterne.

prestazioni mediche erogate

Le prestazioni erogate vengono effettuate secondo i più elevati standard tecnologici e scientifici. L’esito di tali esami viene discusso con i pazienti in sede, nel rispetto della privacy e consegnato immediatamente dopo l’esame. Per le attività eseguite e per la modalità di effettuazione delle stesse viene utilizzato solo ed esclusivamente materiale monouso e sterile.

Chirurgia Plastica
Dott.ssa Simona Centorbi
Scopri di più
Chirurgia e Senologia
Dott.ssa Nicola Musmeci
Scopri di più
Endocrinochirurgia
Dott. Giuseppe Ippolito
Scopri di più
Endocrinologia e Diabetologia
Dott.ssa Federica Vinciguerra
Scopri di più
Ginecologia e Ostetricia
Dott.ssa Marilena Mugavero - Dott.ssa Elsa Giorgio - Dott. Giuseppe Guarnuto
Scopri di più
Medicina Estetica
Dott.ssa Rosalinde Ferrara
Scopri di più
Nefrologia
Dott. Massimiliano Morreale
Scopri di più
Neurochirurgia
Dott. Gaspare Francesco Montemagno
Scopri di più
Neurologia
Dott.ssa Barbara Palmeri - Dott. Giuseppe Nibali
Scopri di più
Oculistica
Dott. Stefano Fichera - Dott.ssa Alessandra Pizzo
Scopri di più
Oncologia
Dott.ssa Rosanna Aiello
Scopri di più
Ortopedia del Piede
Dott.ssa Claudia Di Silvestri
Scopri di più
Ortopedia e Traumatologia
Dott. Massimo Cassarino - Dott. Massimo Santangelo
Scopri di più

Centro Ippocrate Poliambulatorio Specialistico

Viale Sicilia, 166 - 93100 Caltanissetta (CL)

Tel. 0934 594972 - Cell. 366 999 7090

E-mail: centroippocratecl@gmail.com
PEC: centrocoworkingippocrate@pec.it

P.Iva 01446330852

Centro Ippocrate Poliambulatorio Specialistico

Viale Sicilia, 166 - 93100 Caltanissetta (CL)

Tel. 0934 594972
Cell. 366 999 7090

E-mail
centroippocratecl@gmail.com

PEC

centrocoworkingippocrate@pec.it

P.Iva 01446330852

© Credit: Best Communication
Contattaci